artisti luoghi date press organizzazione home

Nei Suoni dei Luoghi alza il livello dell' offerta culturale del Fvg

Lo ha dichiarato Gianni Torrenti, assessore alla cultura della Regione FVG, durante la conferenza stampa di presentazione del Festival di mercoledì 4 luglio

"Il festival Nei Suoni dei Luoghi è una delle manifestazioni più rilevanti in Friuli Venezia Giulia e potrebbe rappresentare un modello anche per altre iniziative. La qualità della proposta innalza il livello dell'offerta culturale dell'intera regione". Lo ha dichiarato l'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti, alla presentazione della 19. edizione del Festival musicale internazionale Nei Suoni dei Luoghi che si svolgerà dal 13 luglio al 29 dicembre, portando in regione 170 artisti di alto livello provenienti da 12 Paesi con 33 concerti in località suggestive e ricche di fascino. La formula dell'evento, organizzato dall'associazione Progetto musica con il contributo della Regione e la direzione artistica di Enrico Bronzi, prevede di riunire giovani talenti internazionali, grande musica, arte e territorio, sere d'estate, chiese, ville e teatri. Un'occasione per condividere esperienze, per conoscere più a fondo la musica, per incontrare i talenti migliori del Nordest italiano, dell'Austria e dei Balcani, giovani usciti dalle migliori scuole di alta formazione musicale di quest'area geografica, selezionati con continue audizioni. Una formula sperimentata che concilia la cultura con lo svago e che lega numerosi comuni del Friuli Venezia Giulia, oltre che del Veneto e della Slovenia, attorno ad un progetto coerente in grado di far dialogare la bellezza materiale dei luoghi con la più immateriale delle arti. Il concerto inaugurale, realizzato in collaborazione con il Conservatorio Tartini di Trieste, si terrà giovedì 13 luglio alle 21 ad Aquileia e vedrà sul palco la The Big Tartini Band diretta da Klaus Gesing. Di rilievo l'esperienza proposta in autunno, con il Concerto al Buio,che quest'anno si sdoppia (20 ottobre e 4 dicembre) all'Istituto Rittmeyer per ciechi di Trieste. Un'iniziativa che Torrenti ha definito capace di far vivere "un'esperienza particolare e molto forte dal punto di vista emozionale, che offre una dimensione della musica inaspettata. Trovandosi in un luogo completamente buio, sconosciuto e del quale non si ha la spazialità si può, infatti, godere in modo diverso rispetto al consueto delle sonorità degli strumenti". Previsti anche due i concerti in Slovenia, grazie alla collaborazione con il Kulturni Dom di Nova Gorica e l'Accademia di Musica di Cetinje. Inoltre, tra le novità della 19. edizione, oltre alle collaborazioni con il Mittelfest e la Società dei Concerti di Trieste, anche il mini circuito Cercando Mozart che sarà accompagnato da due lezioni concerto sul tema alle quali assisteranno anche gli allievi del Liceo musicale Percoto di Udine, con la partecipazione del musicologo Umberto Berti. Particolare attenzione, nell'organizzazione del festival, è stata inoltre posta nella promozione degli eventi nei Paesi vicini e quest'anno grazie, al contributo della Regione, è stata sviluppata anche un'azione promozionale in Austria, di modo da proporre gli eventi in calendario anche al pubblico di lingua tedesca.

 

Archivio notizie: